“L’Arena è un bene nazionale”. Le richieste dei parlamentari veronesi Sboarina: “Serve il sostegno di tutti”. Almeno 3 mila spettatori. Decurtazione del Fus

Spettacoli in Arena per almeno 3 mila spettatori, minore decurtazione del Fus legata alle produzioni, risorse ad hoc per la specificità dell’anfiteatro e della stagione lirica.
Sono queste le richieste che Amministrazione comunale e Fondazione Arena rivolgono al Governo, per il rilancio immediato di Fondazione Arena e per ottenere investimenti che dovranno servire per più tempo.
Il sindaco e presidente della Fondazione Arena Federico Sboarina, insieme al sovrintendente Cecilia Gasdia le hanno consegnate oggi ai veronesi eletti in parlamento, in tempo perché possano essere discusse alla Camera dei deputati che, proprio nei prossimi giorni, inizierà l’esame del Decreto.
Nel dettaglio, le richieste riguardano: una deroga al numero di spettatori consentito per gli spettacoli all’interno dell’anfiteatro, che per l’Arena non può limitarsi a mille unità come previsto nel Decreto Rilancio; rivedere la decurtazione del 40 per cento del Fus legata alle produzioni, che porta un grosso danno economico a Fondazione, ancora di più in questo particolare momento; un finanziamento ad hoc per l’Arena, dal Fondo per l’emergenza del Mibact di 245 milioni, in virtù dell’ingente danno per la mancata realizzazione del festival areniano di quest’anno e delle specificità che rendono Fondazione Arena diversa ed unica rispetto a tutte le altre fondazioni lirico sinfoniche italiane. A raccoglierle, all’interno di un anfiteatro deserto, i parlamentari veronesi presenti all’incontro: Francesca Businarolo e Mattia Fantinati (5 Stelle), Vincenzo D’Arienzo e Diego Zardini (PD), Vito Comencini, Paolo Tosato, Roberto Turri e Vania Valbusa (Lega Nord), Massimo Ferro (Forza Italia), Stefano Bertacco e Ciro Maschio (Fratelli d’Italia). Oltre al sovrintendente Gasdia era presente anche il direttore generale Giuseppe De Cesaris e Marisa Allegrini del Consiglio di indirizzo di Fondazione Arena. Amministrazione e Fondazione Arena hanno già presentato per l’anfiteatro scaligero un progetto innovativo in grado di garantire tutte le misure di sicurezza, sia per il pubblico che per gli artisti, con tremila spettatori a sera.
Un numero che ne consentirebbe anche la sostenibilità economica. L’ edizione straordinaria 2020 ‘Nel cuore della musica’, è stata infatti ideata per garantire anche quest’anno, se pur con le dovute ristrettezze, la programmazione della stagione lirica, che fino ad oggi è saltata soltanto durante i conflitti mondiali.

Il festival lirico programmato per il 2020 slitta all’anno prossimo, ma l’Arena vuole accendersi di musica anche quest’estate. Con una proposta unica, con serate-evento a partire da agosto, il palco posizionato al centro dell’immensa platea ed il pubblico ben distanziato e distribuito esclusivamente sugli spalti, con norme anti assembramento e specifiche vie di afflusso e deflusso. Il tetto di spettatori uguale per tutti previsto nel decreto non solo non tiene conto della capienza specifica di ogni ‘contenitore culturale’, ma nemmeno delle specificità di un teatro all’aperto come l’Arena, il cui fatturato si basa per il 95 per cento sui tre mesi della stagione estiva.
Il sovrintendente Gasdia ha sottolineato lo sforzo profuso in questi mesi per realizzare un progetto che permettesse di riaccendere la musica in Arena anche quest’estate. “Abbiamo lavorato ininterrottamente per l’edizione straordinaria 2020, garantiamo protocolli per la sicurezza di massimo rigore, chiediamo che ci siano date attenzione e risposte. Servono inoltre risorse importanti, adeguate ai danni che l’emergenza sanitaria ha causato al nostro bilancio, e che non possono essere certo paragonati a quelli di altri teatri che lavorano al chiuso e d’inverno. Attenzione massima deve essere poi data ai lavoratori, che già negli anni passati sono stati fortemente penalizzati per effetto della Legge Bray, e senza i quali la stessa Fondazione non può esistere”.
Dai parlamentari veronesi è emersa unanime la volontà di contribuire per risolvere le problematiche illustrate, tutti concordi che l’impegno deve essere trasversale, senza distinzioni di partito, perché l’Arena è un simbolo non solo veronese ma anche nazionale.
Se il deputato Zardini ha chiesto la documentazione (progetto artistico e i protocolli) da consegnare al ministro Franceschini per rivedere i vincoli del Decreto al tavolo del Comitato tecnico scientifico, Turri ha garantito che il tema sarà affrontato già dai prossimi giorni delle commissioni parlamentari competenti. Per il senatore D’Arienzo serve anche una riflessione sulle modalità di erogazione del Fondo per lo spettacolo previsto nel Decreto, che per gli anni 2020 e 2021 si basa ancora sullo sbigliettamento. Infine, il senatore Ferro ha sottolineato come l’emergenza che sta vivendo l’Arena deve assumere valore nazionale, solo così può riscuotere attenzione adeguata.
Subito dopo l’incontro è arrivata subito l’attacco di Michele Bertucco.
Dall’incontro con i parlamentari veronesi da parte dei vertici della Fondazione Arena (Sindaco e Sovrintendente) viene la conferma che la principale criticità da affrontare in questo momento non riguarda tanto la limitazione dei posti in Arena per l’attuale stagione, che è già saltata e che non potrà essere certo recuperata dalle serate-evento propagandate da Sboarina e Gasdia. Il vero punto sono i soldi necessari a ristorare le inevitabili perdite. Avevamo quindi ragione nel dire che Sboarina e Gasdia vendevano sogni quando parlavano della possibilità di portare a pareggio il bilancio 2020. Servono soldi e ne servono tanti. Fondazione Arena da sola non ce la farà nemmeno questa volta.